Morbidi alle mandorle

Tanto per cominciare: i cantucci “morbidi” sono così perché non vengono rimessi in forno a ribiscottare una volta tagliati. La ricetta ce l’aveva data un pasticciere di Prato, un tale amico della Rita conosciuto a Chianciano: tra una bevuta e l’altra di acqua benedetta, lei si era fatta dare qualche ricetta di biscotti toscani “per la sua amica Valeria”, che poi sarei io…

Oltre a quelli con le mandorle, comunque, si possono fare con l’uvetta sultanina, con i pistacchi, con le gocce di cioccolato, con le noci!

← Torna ai biscotti