Valeria: i dolci che passione!

Mi è sempre piaciuto fare dolci: sin da piccola aiutavo mia madre a fare la focaccia la domenica, le gubane e gli strucchi per le feste di Natale e per San Valentino, patrono di Azzida. Si facevano in gran quantità strucchi fritti e strucchi lessi da offrire un po’ a tutti.

Prestissimo, ho cominciato a prendere le ricette di dolci e torte dalle riviste e dai libri per provarle. Poi le modificavo (mettendoci sempre meno zucchero e burro!). Le ricette migliori però sono quelle ereditate da parenti, amici e conoscenti: la Torta di Mele dalla Isa, la Torta Barozzi da Carmen, il Plum Cake alle banane da Connie delle Isole Vergini, la Crostata di Mele Noci e Uvetta dalla Silva, la pasta per le torte salate da un cuoco di Rodi, la ricetta di un Plum Cake salato trascritta in una libreria a New York da un libro di una cuoca francese. Nel tempo, ho raccolto libri di dolci e cucina presi o regalati da amici di diverse parti d’Italia, d’Europa e dal resto del mondo: la mia libreria profuma di vaniglia, pasta sfoglia, uvette e canditi.